Practices

The Commission is in the process of updating some of the content on this website in light of the withdrawal of the United Kingdom from the European Union. If the site contains content that does not yet reflect the withdrawal of the United Kingdom, it is unintentional and will be addressed.

Osservatorio degli edifici a energia quasi zero in Italia

Share this Post:

Dal 2021, tutti gli edifici nuovi o soggetti a una ristrutturazione importante di primo livello dovranno essere a fabbisogno di energia quasi zero (nZEB).

 

Negli stessi casi gli edifici pubblici daranno l’esempio, rispondendo ai requisiti nZEB già dal 2019. Alcune regioni e province autonome hanno già anticipato tali scadenze.

 

Nell’ambito del progetto D2.1 Nealy Zero Energy Buildings della Ricerca di Sistema Elettrico MISE-ENEA, si è avviato un Osservatorio nazionale degli edifici a energia quasi zero (nZEB).

 

Nel biennio ottobre 2016-settembre 2018 l’Osservatorio nZEB ENEA ha:

 

-analizzato la situazione italiana nel contesto europeo

 

-monitorato la promozione, la realizzazione e le tecnologie degli nZEB in alcune regioni italiane

 

-stimato la diffusione degli stessi sul territorio nazionale

 

-individuato opportunità e criticità in vista dell’obbligo imminente.

 

L’evidenza è che il numero degli nZEB sta aumentando rapidamente, non solo dove è stato introdotto l’obbligo.

 

Si tratta, in gran parte, di edifici di nuova costruzione e ad uso residenziale ma non mancano, seppure pochi, casi esemplari di ristrutturazione a livello nZEB, soprattutto di edifici scolastici.

 

Il rapporto illustra alcune buone pratiche in Italia e altri risultati dell’Osservatorio nZEB al 2018.

Additional documents